Progetti

NAVIGO è attivamente coinvolta nella progettazione europea e, operando come capofila o partner in progetti, accompagna le imprese allo sviluppo dell’idea seguendo le linee di finanziamento, per promuovere innovazione e sviluppo nel settore nautico.

Tra i progetti nazionali NAVIGO si occupa di bandi legati all’innovazione, con interventi di ricerca industriale o sviluppo sperimentale che mirano all’innovazione tecnologica dei prodotti o processi aziendali.

Tra i progetti regionali a cui NAVIGO partecipa, rientrano i bandi di digitalizzazione, i protocolli di insediamento e progetti IoT e di innovazione come stimolo dello sviluppo economico e tecnologico del territorio.

Dalla formazione dei neodiplomati fino alle specializzazioni dei tecnici e alla laurea, percorsi di accompagnamento completi per la formazione nel settore

Progetti innovativi a supporto di idee e contesti territoriali attraverso iniziative mirate e collaborazioni strategiche.

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

NAVIGO

NAVIGO è attualmente la più estesa rete di aziende di nautica da diporto della Toscana e una delle principali d’Europa.

Il mercato degli yacht mostra un record italiano indiscusso, con la Toscana che gioca un ruolo di primo piano grazie alla rete di cantieri e imprese innovativi, di aziende di servizio e di capacità di accoglienza .

NAVIGO promuove lo sviluppo della nautica da diporto in Toscana attraverso formazione e supporto alle imprese locali.

La società è amministrata da un amministratore unico ovvero da un consiglio di amministrazione composto da un minimo di tre ad un massimo di undici membri, anche non soci.

Gli organi di gestione della Società

Luoghi dove nascono i sogni nautici, i cantieri offrono servizi di costruzione, manutenzione e riparazione per ogni tipo di imbarcazione.

Specializzati nel dare nuova vita alle imbarcazioni, questi cantieri si dedicano al restyling degli yacht.

La subfornitura si occupa di fornire materiali e componenti essenziali per la costruzione e il mantenimento delle navi.

Dall’assistenza logistica alla gestione di attrezzature.
I servizi in acqua includono ormeggio, rifornimento e supporto tecnico per garantire la migliore esperienza in mare
Pilastri della comunità nautica, promuovono lo sviluppo del settore, offrendo rappresentanza, formazione e supporto alle imprese.

IL DISTRETTO

Il rapporto con l’acqua è stato l’elemento fondante della città. Nel 1172 Lucca e Genova, comuni a vocazione mercantile e quindi interessati a presidiare le vie di trasporto e comunicazione marittime, costruirono presidi di difesa militare nei pressi della costa, per proteggersi da Pisa e Firenze: il “Castrum de Via Regia”, localizzato nell’area dell’attuale Montramito.

La Yachting industry toscana: un distretto geolocal

Il mercato degli yacht mostra un record italiano indiscusso, con la Toscana che gioca un ruolo di primo piano grazie alla rete di cantieri e imprese innovativi, di aziende di servizio e di capacità di accoglienza . La flotta dei Superyacht mostra una crescita interessante e un mercato stimolante per nuove costruzioni, refit & repair e aftersales. Il settore economico legato alla nautica comprende una grande varietà di attività, professioni e mestieri che coinvolgono più di 70 diversi tipi di profili dall’industria al turismo.

stime di navigo

70 Specializzazioni
45 Cantieri navali & refit (situati nelle province costiere del distretto: Lucca, Pisa, Livorno, Massa Carrara, Grosseto, La Spezia)

Le attività

PRODUZIONE

  • Engineering Aziende della subfornitura (elettromeccanica, impiantistica, falegnameria ebanisteria, fibre e tessuti, accessori, impianti di illuminazione, painting)
  • Aziende per la fornitura di materie prime per (lngo, fibra di vetro vergine, compomenti chimici)

AFTERMARKET

  • Servizi dopo vendita
  • Broker
  • Ship Chandler
  • Yacht management
  • Servizi di classificazione
  • Servizi a terra e a bordo
  • Marine e porti, turismo nautico e servizi dedicati
  • Fine vita yacht, dimissioni

L’Eccellenza della Toscana in Numeri

2.506.909.000 € di fatturato (49% del totale italiano)
4000 imprese costiere (37% del totale italiano)
22.000 addetti nel settore (40% del totale italiano)
5,6 addetti per azienda
64 infrastrutture portuali (marine e approdi)
17.701 posti barca (10,62% del totale in Italia)
201 imprese di servizi a terra nel distretto tecnologico nautico e portualità

tabella

Mercato diretto e indotto di un Superyacht – macro indicatori

  • Un megayacht dopo la sua produzione vale 6 volte il suo valore.
  • Si stimano in circa 5900 unità sopra i 24 metri nel mondo di cui oltre il 50% nell’alto Mediterraneo.
  • Enorme aumento del charter sulle misure più grandi (cambia l’armatore)
  • Valore della capacità di spesa degli equipaggi (viaggi, case, vita, vitto, spese varie, ecc) a livello mondiale: 3,6 miliardi di euro.
  • 5500 imbarcazioni >30 metri, 8 persone a barca = 40.000 persone on board.
  • Circa 2.500 yacht stazionano stabilmente nel mediterraneo.
  • Circa 1.000 yacht oltre 30metri gravitano attorno alle acque italiane.
  • Il 10% del valore dello yacht sul territorio per un valore di circa 10 milioni di euro per yacht:
    1 miliardo di euro di spesa sul territorio.
    (Stime di Navigo – anno 2021)

Le traiettorie dell’innovazione

Le aree strategiche del cambiamento del distretto della nautica toscana:

  • innovazioni organizzative e infrastrutturali – aggregazioni
  • innovazione ed ecosostenibilità dei prodotti e dei servizi
  • sviluppo conoscenza del settore e nuova promozione
  • formazione e sviluppo delle competenze
  • semplificazione amministrativa