Progetti

NAVIGO è attivamente coinvolta nella progettazione europea e, operando come capofila o partner in progetti, accompagna le imprese allo sviluppo dell’idea seguendo le linee di finanziamento, per promuovere innovazione e sviluppo nel settore nautico.

Tra i progetti nazionali NAVIGO si occupa di bandi legati all’innovazione, con interventi di ricerca industriale o sviluppo sperimentale che mirano all’innovazione tecnologica dei prodotti o processi aziendali.

Tra i progetti regionali a cui NAVIGO partecipa, rientrano i bandi di digitalizzazione, i protocolli di insediamento e progetti IoT e di innovazione come stimolo dello sviluppo economico e tecnologico del territorio.

Dalla formazione dei neodiplomati fino alle specializzazioni dei tecnici e alla laurea, percorsi di accompagnamento completi per la formazione nel settore

Progetti innovativi a supporto di idee e contesti territoriali attraverso iniziative mirate e collaborazioni strategiche.

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

DUMMY TEXT Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et

NAVIGO

NAVIGO è attualmente la più estesa rete di aziende di nautica da diporto della Toscana e una delle principali d’Europa.

Il mercato degli yacht mostra un record italiano indiscusso, con la Toscana che gioca un ruolo di primo piano grazie alla rete di cantieri e imprese innovativi, di aziende di servizio e di capacità di accoglienza .

NAVIGO promuove lo sviluppo della nautica da diporto in Toscana attraverso formazione e supporto alle imprese locali.

La società è amministrata da un amministratore unico ovvero da un consiglio di amministrazione composto da un minimo di tre ad un massimo di undici membri, anche non soci.

Gli organi di gestione della Società

Luoghi dove nascono i sogni nautici, i cantieri offrono servizi di costruzione, manutenzione e riparazione per ogni tipo di imbarcazione.

Specializzati nel dare nuova vita alle imbarcazioni, questi cantieri si dedicano al restyling degli yacht.

La subfornitura si occupa di fornire materiali e componenti essenziali per la costruzione e il mantenimento delle navi.

Dall’assistenza logistica alla gestione di attrezzature.
I servizi in acqua includono ormeggio, rifornimento e supporto tecnico per garantire la migliore esperienza in mare
Pilastri della comunità nautica, promuovono lo sviluppo del settore, offrendo rappresentanza, formazione e supporto alle imprese.

NAVIGO FONDA CON RYN RIVIERA YACHTING NETWORK FRANCIA E BMC BALEARIC CLUSTER SPAGNA LO “YACHTING WEST MED CLUSTERS”

30 Gen | News

Alla fiera Euromaritime attualmente in corso a Marsiglia, i tre fra i più importanti cluster dello yachting al mondo hanno firmato il memorandum d’intesa per lavorare insieme su temi di attrattività comuni

I tre cluster principali del West Med, NAVIGORiviera Yachting Network e Balearic Marine Cluster hanno firmato oggi un memorandum d’intesa di collaborazione internazionale.

Il Mediterraneo occidentale è l’area leader nel mondo per la navigazione e il refitting di yacht. Ogni anno in quest’area marittima transita oltre il 50% della flotta mondiale di yacht, che qui vengono refittati e manutenuti. Italia, Francia e Spagna, in proporzioni più o meno equivalenti da un paese all’altro, detengono infatti il primato internazionale da questo punto di vista; l’Italia è inoltre base per i cantieri navali di nuova costruzione – con 6 dei 20 più grandi al mondo.

Le linee della collaborazione trasversale siglate oggi riguardano alcuni temi fondamentali quali: la formazione, per immaginare percorsi di sviluppo e training professionale idonei ad integrare il nostro bacino di competenze, arricchendolo con esperienze trasversali; la promozione collettiva del West Med come destinazione di punta dello yachting, che permetterà ai 3 cluster di organizzare eventi o parteciparvi quando opportuno, in modo congiunto; la progettazione europea, lo studio e la programmazione di progetti innovativi; un lavoro congiunto sulle normative e la loro armonizzazione; il potenziamento del network tra i 3 paesi.

L’alleanza stretta e formalizzata oggi vede già 400 imprese nel network, grazie alla somma delle aziende associate ai 3 cluster, che avranno la possibilità di potenziare il proprio network transnazionale e generare importanti e proficue connessioni.

“Questo accordo tra le tre regioni più importanti al mondo per la produzione e il refit di yacht, per numero e tipologia di aziende rappresentate fornirà dati sempre più precisi sul settore di attività, scambi B2B utili allo sviluppo delle aziende e un luogo di proposte e di confronto di innovazioni e idee”  ha dichiarato Katia Balducci, Presidente di Navigo.

“Essere più forti insieme è la filosofia fondamentale di ciascuno  dei nostri cluster; è la stessa che guida il nostro accordo trasversale Yachting West Med Clusters – ha aggiunto Laurent Falaize, Presidente di Riviera Yachting Network  – infatti, pur essendo concorrenti, possiamo condividere ambizioni comuni per l’attrattiva e lo sviluppo sostenibile”.

“In qualità di cluster leader nelle rispettive regioni, abbiamo identificato sfide comuni che peseranno non solo sulle nostre aziende ma su tutti i settori. Nei prossimi 10 anni, le aziende dovranno confrontarsi con sfide importanti come la transizione ecologica, la gestione dei big data e la transizione transgenerazionale – chiosa Antonio Salom, Presidente del Balearic Marine Cluster – come gruppi leader e con la convinzione che l’unione fa la forza, abbiamo firmato questo Memorandum d’Intesa”.